Vendita Culatello - Salumificio Massimo - Pilastro di Parma
15486
page-template-default,page,page-id-15486,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.1.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

CULATELLO

Il Culatello

Il Culatello è considerato da tutti il salume per eccellenza, è infatti ottenuto dalla parte più pregiata della coscia del suino, è infatti la parte muscolosa più grossa degli arti posteriori, priva di cotenna e di osso.

culatello

Come il Prosciutto, il Culatello, una volta lavorato ancora rigorosamente a mano, viene salato e investito con una protezione esterna, la vescica dell’animale immolato per sfamare l’uomo, per meglio conservarlo e proteggerlo.

Oggi il Culatello è un attore protagonista della tradizione alimentare italiana, è il salume più prestigioso sia per le sue eccezionali qualità di delicatezza e sapore che per la limitata produzione.

Il Culatello è nato nella Bassa Parmense, è stabilita la sua nascita non dopo il ‘400. La sua produzione, puramente artigianale, è legata a doppio filo alla tradizione delle famiglie contadine, le quali avevano la consuetudine di allevare e macellare uno o due maiali all’anno per la loro alimentazione, producendo i loro salumi, una tradizione popolare decisamente radicata nel territorio.

il nostro culatello

Come spesso succede, le migliori tradizioni e i più grandi successi nascono di conseguenza ad una necessità esterna, in fatti dato il particolare clima umido di quella bassa che lo ha portato alla luce, che non consentiva la stagionatura della coscia suina intera. si rese necessario disossare il Prosciutto fresco e stagionare separatamente le parti ottenute. Ne risultarono una parte più grande, il Culatello, e una più piccola, Il Fiocco, o Fiocchetto.

La leggenda dice addirittura che la prima realizzazione sia avvenuta per errore, da un maldestro taglio di un prosciutto e la conseguente necessità di sezionarlo in più parti.

Il Culatello è rimasto a lungo un prodotto per pochi, limitato soprattutto dalla produzione su bassa scala e della localizzazione geografica, dagli anni ‘80 la sua fama e il suo consumo si sono diffusi oltre i confini parmensi fino ad essere apprezzato da tutti i cultori della buona gastronomia, italiani e non solo.

Negli ultimi decenni il pregiatissimo salume ha generato un erede: La Culatta, giovane di bellissime speranze che già miete successi sulle tavole di tutti i buongustai. Erede di una famiglia il cui capostipite indiscusso rimane però uno solo, sempre e comunque Prosciutto di Parma!

PREVENTIVI E ORDINI